Colosseum Restauration

I nuovi cancelli del Colosseo realizzati da un’azienda di Vicenza

3 marzo 2014 – Il Sole 24 Ore

di Barbara Ganz

Colosseo
Cinquantasei inferriate e 13 cancelli automatizzati: la Ind.i.a. (Industria italiana arteferro) Spa di Malo, Vicenza, società del Gonzato Group, leader nella produzione e distribuzione di manufatti e fucinati in ferro battuto e acciaio inox, li realizzerà per il Colosseo. Il contratto di affidamento riguarda la fornitura e posa in opera delle cancellate, in ferro forgiato con terminazione a lance rettilinee, una diversa dall’altra, che andranno a sostituire l’attuale sistema di chiusura perimetrale.

I progettisti stanno sviluppando le campionature necessarie al perfezionamento dei disegni tecnici esecutivi, ultimo step prima dell’inizio dell’attività; la produzione dovrebbe prendere il via tra pochi giorni negli stabilimenti di Malo, dove progettisti e artigiani sono già al lavoro per garantire un risultato finale nel pieno rispetto della memoria archeologica di un simbolo della storia italiana. «A ogni cancello e a ogni inferriata – spiegano in azienda – sarà dedicata una progettazione specifica in quanto gli ancoraggi dovranno adattarsi ai fornici, uno diverso dall’altro, sfruttando i fori e le mancanze già esistenti sui pilastri. Il cantiere proseguirà a gruppi di 10 aperture per volta in modo da non impedire l’accesso dei turisti. Per questo le forniture avverranno in momenti diversi in base all’avanzamento dei lavori». Ad occuparsi del progetto saranno gli esperti di Gonzato Contract, la divisione di Ind.i.a. dedicata alle grandi opere. Un anno fa la Spa di Malo ha acquisito il 100% delle quote dell’ex tedesca Triebenbacher, dopo essere cresciuita con l’acquisizione della Ferriera Co.Ge.Me di Casalmaggiore, Cremona. Quello del Colosseo, per l’azienda vicentina, è il terzo importante restauro nella città di Roma. Risalgono infatti agli anni Novanta le realizzazioni di fucinati artistici in ferro battuto per le cancellate di Piazza Vittorio e per le inferriate del Palazzo di Giustizia.

>>>link all'articolo